Thomson torna in Italia con tutte le sue linee di prodotto

Svolto il 27 e 28 aprile a Milano il primo Thomson Days, evento che ha offerto l’opportunità ai dealer e stampa di scoprire le varie linee di prodotto del marchio francese che vedremo in Italia.

Durante i Thomson Days del 27 e 28 aprile tenutisi a Milano, Thomson (celebre marchio con un passato importante nella consumer electronics e nell’audio/video, soprattutto tra gli anni ’80 e ’90 del secolo scorso e oggi concesso su licenza a TCL da TECHNICOLOR S.A.) ha mostrato buona parte dei suoi prodotti attualmente sul mercato, tra cui la gamma di televisori UHD C64 con tecnologia HDR, tower speaker attivi wireless con tecnologia Bluetooth, accessori per i device portatili, piccoli elettrodomestici e un’intera linea (per ora non distribuita in Italia, ma l’azienda sta cercando di trovare un accordo con nomi importanti) di computer portatili e tablet.
Interessanti, inoltre, alcuni mockup di giradischi in vinile capaci di trasmettere l’audio via Bluetooth ad un sistema compatibile o addirittura in grado di registrare su pendrive USB (in formato MP3) i brani riprodotti; entro la fine dell’anno dovrebbero arrivare nella loro veste definitiva.

La linea di televisori Thomson C64 UHD (sopra) mescola sapientemente la tecnologia HDR con un design ultra-sottile, in modo da proporre immagini eccezionalmente dettagliate, con colori vividi e una luminosità estremamente naturale. La serie supporta il formato Dolby Digital Plus, offre un Picture Performance Index (PPI) di 1200 e permette di vedere tutti i contenuti di Netflix e YouTube in 4K. Inoltre, grazie all’ultima versione di Android TV, 6.0.1, la linea dà accesso ad una moltitudine di applicazioni su Google Play Store.

Tra i diffusori audio ecco il nuovo sistema stereo Bluetooth DS60DUO (foto a sinistra), ideale per regalare un’esperienza stereofonica invidiabile a dispetto del design estremamente compatto. Ideale per l’utilizzo con la tv di casa, ma anche per ascoltare la musica da smartphone o tablet, il Thomson DS60DUO è caratterizzato da due speaker dalla linea classica e dalle dimensioni ridotte che offrono una potenza massima di 180 W. La prima cassa viene connessa direttamente al televisore, o in alternativa al dispositivo mobile tramite Bluetooth (fino a 10 metri di distanza) e trasmette il suono via wireless alla seconda cassa. Il sistema è inoltre dotato di equalizzatore, ingresso Aux da 3,5 mm e con due porte che consentono la lettura di file musicali su pendrive USB.

Per quanto riguarda i piccoli elettrodomestici, segnaliamo il fiore all’occhiello dell’intera produzione Thomson, Geni Mix Pro Connect (in apertura), un innovativo robot da cucina multi-funzione connesso che si connette allo smartphone o al tablet, attraverso una pratica applicazione. Basta aggiungere gli ingredienti al suo interno e il dispositivo inizierà a tritare, mescolare, impastare, rosolare, cuocere a fuoco lento o a vapore, anche a distanza.

 

Conecto mobile (qui sopra) è invece un dispositivo dotato di GPS integrato e pensato per rispondere al problema della perdita di autonomia, che permette di contattare un familiare in caso di bisogno attraverso la semplice pressone di un pulsante.

Sul fronte entertainment, poi, in mostra le cuffie WHP6316BT (in foto) e HED4407. Le prime sono dotate di tecnologia Bluetooth e permettono anche di effettuare e ricevere chiamate via Internet, direttamente sul televisore di casa. Grazie alle 12 ore di operatività e alla docking station per la ricarica, anche l’utilizzo esterno via smartphone e tablet è assicurato. Il modello HED4407, dotato di un cavo lungo 8 metri, è invece studiato per uniformarsi alle esigenze di chi possiede televisori molto ampi.

In chiusura citiamo anche i notebook Ultra-Slim Prestige (10,1”, 11,6” e 14”) della linea NEO, con o senza display touch e risoluzione fino al Full HD, dotati di cabinet in alluminio spazzolato, design ergonomico e con all’interno i più recenti microprocessori Intel®, che si affiancano alla famiglia di tablet Android® TEO.

 

http://ift.tt/2kmBzvV
www.thomsontv.eu
http://ift.tt/2puo00A

 

L’articolo Thomson torna in Italia con tutte le sue linee di prodotto sembra essere il primo su HC | Home Comfort & Design.

da HC | Home Comfort & Design http://ift.tt/2puuQTE
via Roberto Montanaro Blog

DP-S1, il player portatile Onkyo di seconda generazione è qui

Onkyo annuncia il suo digital audio player portatile di seconda generazione, DP-S1, più compatto rispetto al già esistente modello DP-X1 e ricavato da un monoblocco di alluminio pressofuso, a garanzia di durata e rigidità.

Forte di una lunga esperienza in materia di segnali digitali e audio ad alta risoluzione, Onkyo presenta il nuovo DAP DP-S1, dotato di doppi convertitori ESS SABER Digital to Analogue (ES9018C2M) e 16GB di memoria interna (espandibile a 416 GB, grazie a due slot per schede MicroSD).
Nel realizzare il nuovo lettore portatile la casa di Osaka ha posto particolare attenzione ai dettagli, migliorando la qualità sonora – già elevata – del modello precedente. A tal fine sono stati impiegati componenti selezionati, inclusi i condensatori a pellicola di alta qualità, dopo un attento e ampio ascolto. Il risultato è un DAP che trasmette un livello non comune di musicalità e timbrica.
Il DP-S1 è dotato anche di un ingresso di linea/cuffie bilanciato di 2,5 mm e di una uscita standard sbilanciata da 3,5 mm, che consente di abbinare una vasta gamma di tipi di cuffie.

Come era lecito aspettarsi, il player Onkyo supporta una vasta gamma di file audio digitali, tra cui anche MQA (da attivarsi tramite un aggiornamento del firmware previsto a giugno). I formati già gestibili ora includono DSD 2,8/5,6MHz, FLAC, ALAC, WAV, AIFF (192kHz/32bit), AAC e MP3. Un doppio clock digitale (44,1kHz e 48kHz) riduce drasticamente il rumore jitter.
Espandendo le opzioni musicali, inoltre, il DP-S1 incorpora Wi-Fi a banda doppia (5GHz/2,4GHz) per consentire la riproduzione di servizi streaming come Tidal e TuneIn (il supporto per ulteriori servizi di streaming, tra cui Tidal MQA, verrà aggiunto in futuro); a disposizione, inoltre, c’è il protocollo Bluetooth per accoppiarsi facilmente ad un sistema hi-fi, multiroom o in auto.

Infine, scaricando l’app gratuita DapController, è possibile anche controllare il DP-S1 mentre è in una borsa o in una tasca, semplificandone ulteriormente l’utilizzo quotidiano on-the-go.

www.tecnofuturo.it

 

L’articolo DP-S1, il player portatile Onkyo di seconda generazione è qui sembra essere il primo su HC | Home Comfort & Design.

da HC | Home Comfort & Design http://ift.tt/2piv9CJ
via Roberto Montanaro Blog

Arcam FMJ AVR390, Il mezzo giusto per il giusto fine

L’AVR390 sarà anche il più abbordabile della serie Arcam FMJ AVR, ma la classe rimane quella dei fratelli maggiori. Se il fine è riprodurre in maniera impeccabile le vostre colonne sonore e la vostra musica, questo è il mezzo giusto per raggiungerlo

Per sottolineare il valore dell’FMJ  AVR390 la Arcam utilizza un  metodo geniale ed eticamente  commendevole: l’auto-confronto, o  pubblicità comparativa interna, se preferite.  Dichiara il produttore inglese: «L’AVR390,  l’AVR550, l’AVR850 e l’AVR860 sono,  semplicemente, i sintoamplificatori AV e i  processori dalle prestazioni più elevate che  Arcam abbia mai realizzato».

Vedete? Arcam  non mette e confronto i sunnominati AVR390  & C. con i prodotti della concorrenza ma  con i propri. Così facendo non nuoce a  nessuno, nemmeno ai predecessori dei  sintoampli in questione, che in quanto  predecessori è normale debbano cedere  il passo alle nuove generazioni. Altro che il  fine giustifica i mezzi: qui non solo il fine è  giusto (dare risalto a un ottimo prodotto),  ma lo è anche il mezzo. 

DAL DOLBY ATMOS 7.1.4  ALLO STEREO 5/7 

L’AVR390 è un sintoampli con Dolby Atmos  e dts:X 7.1.4 dotato di 7 canali da 60 watt  RMS su 8 ohm; se si utilizzano solo due canali,  come nella modalità Stereo Direct, la potenza  sale a 80 watt. Per realizzare un sistema 7.1.4  completo è pertanto necessario utilizzare un  amplificatore addizionale a 4 canali o due  amplificatori stereo. Oltre al Dolby Atmos e al dts:X l’AVR390 supporta gli standard Dolby  Surround, dts 5.1, dts-HD Master Audio, dts-ES  6.1 Discrete, DTS-ES 6.1 Matrix e DTS Neo:6  (Music e Cinema).

La modalità Stereo Direct è  altresì disponibile nella variante Stereo 5/7, in  cui il segnale viene inviato a tutti i diffusori; al  centrale va il segnale somma L + R. Degna di  nota è la funzione Dolby Volume, che elimina i  salti di volume nel passaggio tra sorgenti e/o  programmi con differenti livelli di uscita.

DIRAC LIVE, AL SERVIZIO DELLA  QUALITÀ ARCAM 

All’AVR390 non manca l’attitudine a dialogare  con il mondo, che gli deriva dal tuner FM/  DAB/DAB+ (entrobordo) e dalla connessione  di rete per l’accesso a servizi streaming come  Spotify; la riproduzione dei file scaricati dalla  rete o immagazzinati nell’iPad, nell’iPhone e  nell’iPod touch è facilitata dalla app  MusicLife iOS UPnP.

Sul pannello  posteriore dell’amplificatore  trovano posto, tra gli altri, 7 ingressi  e 3 uscite HDMI 2.0a (una delle  quali ARC-compatibile) con HDCP  2.2 capaci di trasferire segnali 4K, le  porte Ethernet, RS-232 e USB, i mini-jack  per i trigger a 12 volt e per gli impulsi IR,  quattro ingressi digitali coassiali e due ottici,  sei coppie di ingressi analogici, numerose  uscite linea

L’ampio spazio a disposizione ha  consentito di collocare i morsetti altoparlanti  alla giusta distanza l’uno dall’altro, sicché le  operazioni di cablaggio sono agevolate. Non  mancano le uscite per la Zona 2, presenti  nelle versioni HDMI, speaker e linea. La  qualità della riproduzione – la leggendaria  qualità Arcam! – è esaltata dalla funzione di auto equalizzazione ambientale Dirac  Live; in dotazione sono forniti il microfono di  calibrazione e la scheda audio USB, mentre il  software dev’essere scaricato dal sito Arcam. 

CONVERTITORI AUDIOPHILE  E TRANSISTOR THERMALTRAK 

L’AVR390 è dotato di un sistema di  raffreddamento a tutta prova, costituito da  ben tre ventole: due soffiano sul dissipatore  dei finali, la terza è collocata a ridosso del  pannello posteriore. Negli stadi finali sono  schierate sette coppie di transistor ThermalTrak  NJL3281DG/1302DG da 15 A/260 V, progettati  per eliminare i ritardi nella compensazione  termica. 

La sezione di alimentazione è  costituita da un potente trasformatore seguito  da due elettrolitici da 15.000 microfarad/80  volt e da capacità più piccole distribuite  lungo le linee di tensione. I componenti sono  disposti su sei PCB in vetronite connessi da  cablaggio ridotto e ben eseguito.

Sul PCB  dei chip digitali troviamo due Cirrus Logic  CS42528, convertitori ottupli a 192 kHz per  applicazioni audiophile, un DSP Dolby/DTS a  32 bit Cirrus Logic CS49844A, un processore  video con encoder Analog Devices ADV8003,  un trasmettitore/scaler HDMI 2.0 Panasonic  MN864787 e una coppia di ricevitori/switcher  HDMI 2.0 Panasonic MN864788. Tutto ciò si  traduce nelle eccellenti prestazioni promesse  da Arcam nella pubblicità comparativa di cui  in apertura; promesse, vedi prova d’ascolto,  pienamente mantenute.

L’articolo Arcam FMJ AVR390, Il mezzo giusto per il giusto fine sembra essere il primo su HC | Home Comfort & Design.

da HC | Home Comfort & Design http://ift.tt/2qieaPz
via Roberto Montanaro Blog

Al TV Philips Serie 9002 il riconoscimento Red Dot Design Award 2017

La strategia di TP Vision per rendere Philips il brand che deve stupire, focalizzandosi sul meglio dell’artigianato e del design europeo, porta i suoi frutti: il TV 9002 si aggiudica il premio Red Dot Design.

Dopo i tre premi vinti nel 2016, quest’anno è la nuova serie flagship Philips 9002 OLED che ha ricevuto l’onore di essere nominata come prodotto eccezionale nella categoria Consumer Electronics dei Red Dot Product Awards.
La giuria della manifestazione competitiva è stata chiaramente colpita dal modo in cui il design del TV Philips comunica sia l’innovazione attraverso la leggerezza che la qualità dell’immagine, bilanciando tecnologia all’avanguardia in un design che comunica le più alte prestazioni migliorando al contempo la casa moderna.
Il Red Dot Design Award è un marchio di qualità riconosciuto a livello internazionale e ad ogni edizione riceve più di 5000 sottoscrizioni da quasi 60 paesi, che presentano e rappresentano il meglio del design nelle rispettive categorie di appartenenza.

Commentando il nuovo riconoscimento appena consegnatogli, Rod White, Chief Designer di TP Vision, ha dichiarato: “Stiamo lavorando sodo ogni anno per portare i nostri prodotti a nuove altezze sia per la performance, la qualità del suono e del suono, sia per il design e per i materiali. È importante come l’unica marca televisiva europea rimasta che le TV Philips sono uniche sul mercato. Siamo naturalmente felici che i Red Dot Awards abbiano riconosciuto il nostro successo nella creazione di un prodotto davvero distintivo ».

Il Philips 9002 è un TV straordinario che unisce qualità d’immagine eccezionali con un bel design europeo e artigianale e sarà disponibile nel taglio da 55”. I giudici del Red Dot hanno riconosciuto che il televisore 9002 mantiene la promessa di innovazione di Philips, grazie al raggiungimento di un perfetto allestimento interno e della cura nei dettagli.
Il raffinato look europeo e l’utilizzo di materiali premium nel TV top di gamma Philips sono solo il contorno rispetto al piatto principale: prestazioni moderne grazie al pannello OLED ultrasottile e alla cornice protesa con la distinta firma del marchio olandese e l’esclusivo supporto in alluminio.

La serie UHD Premium è in grado di riprodurre i neri puri più profondi, i bianchi più luminosi, i colori più vivaci e maggiore quantità di dettagli. La sottilissima cornice consente una continuità con la tecnologia univoca ambilight su 3 lati, dando l’impressione che l’immagine sfugga letteralmente ai confini dello schermo, proiettando la luce sul muro dietro l’apparecchio. La vibrazione e l’eccitazione si muovono così al di là dello schermo, portando con sé un’esperienza di visione platealmente più avvolgente.

www.philips.it

 

L’articolo Al TV Philips Serie 9002 il riconoscimento Red Dot Design Award 2017 sembra essere il primo su HC | Home Comfort & Design.

da HC | Home Comfort & Design http://ift.tt/2pI2OXI
via Roberto Montanaro Blog

Nasce Elettricità Futura, ma per la politica il futuro dell’energia è incerto

Sergio Ferraris

Questa mattina assoRinnovabili e Assoelettrica si sono unite dando vita a Elettricità Futura, una nuova associazione di categoria che "punta a un mix tra fonti convenzionale e rinnovabili", ma dalla politica arrivano segnali contrastanti. Lo si vedrà meglio con la SEN, annunciata per il 10 maggio.

«Costruire un sistema nel quale fonti convenzionali e rinnovabili lavorano assieme». È stata questa la sintesi dell’intervento di Simone Mori, presidente di Assoelettrica in apertura dell’assemblea di questa mattina a Roma durante la quale si è concretizzata la fusione tra Assoelettrica e assoRinnovabili, creando così “Elettricità Futura”, l’associazione di categoria delle imprese elettriche italiane nell’ambito di Confindustria.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2qnsPIv
via Roberto Montanaro Blog

Fotovoltaico, inverter ZCS Azzurro: la soluzione smart per un mondo green

News dalle Aziende

La Innovation Division di ZCS si è presentata sul mercato con ZCS Azzurro: inverter di ultima generazione che coniuga l’intelligenza informatica e smart “ZCS inside”, alla più avanzata tecnologia elettronica, per dar vita a un nuovo concetto di inverter fotovoltaico, disponibile anche con sistema d'accumulo.

Zucchetti Centro Sistemi Spa (ZCS), l’azienda multi divisionale toscana che dal 2000 fa parte di Zucchetti SpA, il primo gruppo italiano di software in Europa, ha aperto il 2017 all’insegna della “green technology”.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2ppC3V9
via Roberto Montanaro Blog

Sbilanciamenti: effetti delibera 800/2016, regole in arrivo e apertura MSD

Le regole transitorie vigenti sugli sbilanciamenti sembrano aver avuto successo nel reprimere i comportamenti opportunistici sul mercato. Si attende ora il nuovo meccanismo, la cui entrata in vigore, prevista per maggio, probabilmente slitterà di mesi mentre imminente è l'apertura del MSD.

Immagine Banner: 

Oggi, a distanza di alcuni mesi dall’adozione della nuova delibera sugli sbilanciamenti, la 800/2016, l’attuale meccanismo di calcolo per segno e zona sembra dimostrarsi valido.

A segnalarlo è Assoidroelettrica che comunica …

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
Contenuto a Pagamento

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2oQfkQ5
via Roberto Montanaro Blog