Dalla casa alla città, il web delle cose renderà tutto più “smart”?

Luca Re

Mercato in forte crescita in Italia per gli "oggetti connessi", anche se il boom è influenzato dall’obbligo normativo di sostituire i vecchi contatori del gas con quelli “intelligenti”. Qualche esempio di Internet of Things applicato ad edifici e centri urbani, per scoprire da vicino come funziona il mondo IoT.

Immagine Banner: 

Con un mercato che in Italia ha raggiunto 2,8 miliardi di euro nel 2016, segnando un +40% rispetto ai dodici mesi precedenti, è facile parlare di boom del cosiddetto “Internet of Things” (IoT).

Parliamo di oggetti connessi che promettono di semplificare molti aspetti della nostra vita, ad esempio la gestione della casa e la fornitura di servizi ai cittadini.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2p3oOfK
via Roberto Montanaro Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...