Fin dove si spingeranno i prezzi del fotovoltaico?

Redazione QualEnergia.it

L’India è il mercato fotovoltaico più competitivo del mondo in questo momento, grazie soprattutto alla compressione dei costi del lavoro. Qualche dubbio però sulla qualità dei suoi progetti. Negli Stati Uniti c’è la spada di Damocle della petizione Suniva-SolarWorld per nuovi dazi. Un’analisi di GTM Research.

Immagine Banner: 

La discesa dei prezzi del fotovoltaico sembra inarrestabile, quindi è logico chiedersi fino a che punto proseguirà la caduta e con quali conseguenze per l’industria del settore.

Secondo Ben Gallagher, analista di GTM Research, i costi dei progetti solari FV di grandi dimensioni diminuiranno del …

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
Contenuto a Pagamento

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2ursVRh
via Roberto Montanaro Blog

SENEC rafforza la sua presenza in Italia

News dalle Aziende

Certificazione CEI 0-21, costituzione della società italiana e supporto tecnico: i nuovi passi di SENEC per una partnership solida con gli installatori italiani.

SENEC, uno dei principali produttori di sistemi di accumulo a livello mondiale, continua il processo di rafforzamento della sua presenza nel mercato italiano.

Dopo aver raggiunto una posizione di leadership in Germania, con oltre 14.000 unità vendute, l’azienda ha avviato un percorso di internazionalizzazione che non poteva prescindere dall’Italia, uno dei Paesi più importanti nel panorama del fotovoltaico e dello storage.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2uqYniv
via Roberto Montanaro Blog

Il misterioso caso della trasmissione di elettricità a distanza

Alessandro Codegoni

Un inventore abruzzese, Marco Santarelli, ha annunciato di essere in grado di trasmettere l'elettricità a distanze di centinaia di metri, grazie a «bobine di Tesla» che funzionano in risonanza. La notiza dell'invenzione, pubblicata da alcuni organi di stampa, non è però suffragata da prove scientifiche e sperimentali. Tutti i nostri dubbi.

Immagine Banner: 

«Extraordinary claims require extraordinary evidence», affermazioni straordinarie richiedono prove straordinarie.

Questa frase, resa popolare da Carl Sagan, ma inventata dal sociologo Marcello Truzzi, viene sempre alla mente quando ci si trova di fronte a “invenzioni troppo belle per essere vere”, proposte da personaggi al limite, o talvolta molto lontani, del mondo scientifico.

Purtroppo raramente la richiesta di prove e dimostrazioni straordinarie viene soddisfatta.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2uqseYq
via Roberto Montanaro Blog

Fotovoltaico in market parity: il caso dei 63 MW a Montalto di Castro

News dalle Aziende

I 5 impianti connessi ad aprile sono i primi in Italia ad essere competitivi senza incentivi nella vendita dell'energia all'ingrosso. Merito anche di soluzioni ingegneristiche che ottimizzano il rapporto tra costi e produttività: ne parliamo con Sma Italia, che l'11 luglio organizza un evento sul progetto.

A Montalto di Castro, ad aprile 2017, è accaduto un evento storico per il fotovoltaico italiano: è stato connesso alla rete il primo grande parco fotovoltaico a terra in grado di essere competitivo vendendo l’energia all’ingrosso senza incentivi.

Parliamo di 5 impianti fotovoltaici, che insieme raggiungono una potenza di oltre 63 MW, realizzati dal fondo di investimento Octopus, che hanno stipulato un contratto biennale per la fornitura di energia a prezzo fisso con Green Trade e che montano inverter SMA.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2t7VOlZ
via Roberto Montanaro Blog

Tariffe elettriche, approvata la riforma degli oneri

Redazione QualEnergia.it

Si applicherà dal primo gennaio 2018, assieme alla riforma delle tariffe per i non domestici. Si distinguono gli oneri per le rinnovabili dagli altri e si stabilisce una struttura trinomia, con quote distinte per punto, potenza ed elettricità prelevata. La delibera e una sintesi dei cambiamenti in arrivo.

Dopo l’ok della Commissione europea sui nuovi sgravi agli energivori e in vista dell’attuazione della riforma delle tariffe per i clienti non domestici, l’Autorità per l’Energia …

 

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
Contenuto a Pagamento

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2sXUuDV
via Roberto Montanaro Blog

Pro-Ject Essential III Flexy-Range, ad ognuno il suo

Pro-Ject introduce 6 modelli di giradischi costruiti sulla solida base del nuovo Essential III e caratterizzati da collegamenti Bluetooth o digitali, mantenendo al passo con i tempi il vinile.

Corredati di braccio di progetto e costruzione proprietaria, apprezzati ed utilizzati dagli amanti del vinile ad ogni costo, i giradischi Pro-Ject sono ben suonanti e belli da vedere, declinati su un catalogo che vede in cima l’immaginifico Signature. Ad affiancarsi all’Essential III, uscito qualche mese fa, arriva ora la famiglia Essential III Flexy-Range, con caratteristiche variegate e disponibili con varie opzioni di collegamento per adattarsi alle diverse esigenze dei vari appassionati.

La nuova serie Pro-Ject si pone l’obiettivo di dare all’appassionato audiofilo esattamente quello che vuole, senza però risparmiare negli elementi essenziali che rendono il suono di un giradischi un ottimo suono. Essential III Flexy Range dà quindi al cliente la possibilità di scegliere secondo le sue esigenze, con la garanzia di avere una “base” – quella dell’Essential III – di alto livello. Streaming Bluetooth, uscita USB per masterizzare gli LP ad alta risoluzione, o quella digitale per collegare Essential III a un convertitore D/A esterno, uno speaker, una barra o una TV.

L’elemento in comune è per tutti il layout di Essential III, giradischi compreso di braccio diritto in alluminio, lungo 8.6” imperniato su cuscinetti in zaffiro. Partner a corredo, per questa IIIa versione è la testina Ortofon OM 10E; la trazione è a cinghia e il motore sincrono in alternata con puleggia in alluminio, entrambi ben isolati dallo chassis onde evitare disturbi non richiesti. Il controllo del motore, invece, è affidato a un complesso circuito normalmente a bordo di modelli più costosi. L’alimentatore è separato – come abitudine Pro-Ject – per eliminare le interferenze e ronzii. Il cuscinetto su cui ruota il piatto girevole è a bassa tolleranza, per evitare rumble e diminuire wow&flutter. Nuovi anche il felt mat e i cavi di interconnessione.

Da qui i cinque nuovi modelli Flexy Range: Essential III Digital aggiunge un pre Phono incorporato e un’uscita ottica ad alta risoluzione; Essential III Phono integra il preamplificatore Phono, e offre pertanto una uscita da poter collegare a qualsiasi ingresso ausiliario. Essential III Bluetooth offre la connessione senza fili con qualità streaming aptX e c’è poi Essential III SB, con controllo elettronico della velocità, per poter cambiare tra 33,3 e 45 giri solo con la pressione di un tasto. Infine il top di gamma Essential III Recordmaster, stadio Phono incorporato con uscite RCA, USB B ad alta risoluzione da collegare a PC/MAC per masterizzare gli LP e controllo elettronico della velocità.

www.audiogamma.it

 

L’articolo Pro-Ject Essential III Flexy-Range, ad ognuno il suo sembra essere il primo su HC | Home Comfort & Design.

da HC | Home Comfort & Design http://ift.tt/2uqkyFH
via Roberto Montanaro Blog

Quanto e cosa rischia la finanza globale con i cambiamenti climatici

Redazione QualEnergia.it

Le raccomandazioni finali della task-force istituita a Parigi due anni fa per contrastare il climate-risk: fondamentale la divulgazione chiara, completa e tempestiva di dati e informazioni sulla natura degli investimenti. Come reagire alle minacce ambientali che incombono su tutti i settori industriali.

Immagine Banner: 

Quali sono i possibili impatti finanziari dei rischi climatici? Come devono reagire gli investitori – banche, governi, fondi pensione e così via – per non rimanere con un pugno di stranded asset (letteralmente: beni incagliati), vale a dire infrastrutture obsolete e non più remunerative?

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2snhI7D
via Roberto Montanaro Blog