DME, un progetto europeo per biocombustibili di seconda generazione

Redazione QualEnergia.it

Un progetto Horizon 2020, denominato FLEDGED e coordinato dal Politecnico di Milano, punta a sviluppare un nuovo processo per la produzione di dimetiletere (DME) da biomasse di seconda generazione, quindi non in competizione con il mercato alimentare.

I carburanti di origine biologica sono una delle strade più promettenti per ridurre le emissioni nel settore dei trasporti, soprattutto nel breve e medio periodo grazie ad alcuni vantaggi rispetto anche ai sistemi alternativi, quali la mobilità elettrica o ad idrogeno.

In particolare l’utilizzo di biocombustibili consente di sfruttare l’infrastruttura esistente per il trasporto e lo stoccaggio del carburante e non richiede modifiche, se non minime, alle autovetture già presenti sul mercato.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2utwo4y
via Roberto Montanaro Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...