Implicazioni e problematiche di una “Società a 2000 watt”

Marco Morosini

Con il referendum in Svizzera i cittadini hanno votato a favore di una riduzione del flusso di energia primaria da 6000 a 2000 watt pro capite. Ma per ridurre gli impatti dell'uso d'energia non bastano rinnovabili ed efficienza, serve una riduzione del flusso di prodotti e di servizi che oggi ci sembrano indispensabili.

Immagine Banner: 

Leggi la versione digitale dell’articolo sulla rivista QualEnergia

Il 21 maggio, il 58% dei votanti svizzeri ha scelto il “sì” nel referendum sulla Legge sull’energia 2016, che mira a ridurre del 43% l’uso di energia finale entro il 2035, l’uso di combustibili fossili, ad aumentare fortemente l’uso di energie rinnovabili e a dismettere i cinque reattori atomici.

Contenuto Riservato

Riservato: 
OFF

Contenuto a Pagamento

A Pagamento: 
OFF

leggi tutto

da QualEnergia.it – Il portale dell’energia sostenibile che analizza mercati e scenari http://ift.tt/2vo86JF
via Roberto Montanaro Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...